Attualità

Un viaggio sconsolato nel centro storico di villacidro

Condividici...
di Gian Paolo Marcialis
_____________________________

 

Percorrere le vie del centro storico di Villacidro è cogliere in maniera palpabile e dolorosa il livello di degrado in cui versa, capire l’assurda miopia della burocrazia che rende qualsiasi tentativo di apportare modifiche una corsa a ostacoli, cogliere anche situazioni oggettive di pericolo per i residenti e gli occasionali passanti. I centri storici sono di solito anche “centri del bello” nel senso che in questi luoghi si possono ammirare opere d’arte, chiese, palazzi antichi, squarci pittoreschi e gradevoli.

Nel centro storico di Villacidro invece regna sovrano l’abbandono, il cattivo gusto, il degrado. Vogliamo pertanto effettuare un breve excursus tra le vie del borgo cidrese per provare queste affermazioni.

Questo è il tetto del Museo dell’Arte Sacra: un vero e proprio proliferare di erbacce rischia di comprometterne la funzionalità.Da tempi lontani questo lampione, situato a fianco del Museo dell’Arte Sacra, giace mutilato da un lontano incidente. Non si è mai provveduto a rimetterlo a posto.

Nella piazza Zampillo si affaccia il Museo Archeologico Villa Leni (tra l’altro chiuso da tempo immemorabile) le cui grondaie sono letteralmente intasate dalle erbacce.

A lato della chiesa parrocchiale di s. Barbara è sita la chiesa delle Anime separata dalla via Parrocchia da un muro di contenimento che da tempo (nessuno ricorda più quanto) ha subìto la perdita di parte dell’intonaco offrendo un’indecorosa visione all’occasionale passante.

Qui siamo nella vicina via Parrocchia: da ben 13 anni esiste questo muro di lamiere che chiude una casa mai ultimata. A nulla sono valse le lamentele dei vicini e i commenti anche di tecnici.

Un serio problema è rappresentato dal fatale danneggiamento subito da un’abitazione sempre in via Parrocchia che ha tenuto in scacco il traffico, le attività commerciali ivi esistenti e la circolazione anche dei residenti. La soluzione è stata di transennare la facciata pericolante e la faccenda è stata chiusa così.

Questo è un particolare del degrado sommo in cui versa il Lavatoio, sicuramente il più importante monumento di valore storico e architettonico presente nel centro storico di Villacidro. Da tempo in stato di totale abbandono, ha subìto danni enormi: dal furto dei tubi di rame per lo scolo delle acque piovane, al furto di tutti i rubinetti una volta presenti nei tubi che portavano l’acqua alle vasche, dalla distruzione di alcune bacheche riproducenti notizie di carattere storico, il Lavatoio è diventato ricettacolo di bevitori, luogo eletto a pisciatoio e deposito di vomiti, e altre simili occupazioni. In alto sono situate quelle che sembrerebbe telecamere ma ci tormenta il dubbio che siano posticce… 

Questo è uno dei numerosi pannelli elettronici presenti a Villacidro (non solo nel centro storico). Chissà quanto sono costati e chissà perché non è mai stata fatta una serie inchiesta sulla frode perpetrata ai danni del popolo villacidrese…

Sempre nella via Parrocchia esiste questo brutto groviglio di fili elettrici che, oltre a costituire un pessimo esempio di immagine, costituiscono un più serio pericolo di dispersione di corrente elettrica nel caso cedessero

Concludiamo questo breve viaggio nel degrado del centro storico di Villacidro presentando questo “bucolico” quadretto rappresentato dai resti un’abitazione crollata, anch’essa da tempo immemorabile, nella via Garibaldi.

Da questo rapido viaggio nel centro storico di Villacidro emergono alcune considerazioni: esiste una burocrazia elefantiaca e paralizzante; esiste una rappresentanza politica e amministrativa distratta, insonnolita, annoiata che sembra vivere non sulla terra ma su un lontano pianeta di un’altra galassia; esiste anche una grande disaffezione dei cittadini verso i temi sociali di interesse comune.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy