Attualità San Gavino Monreale

Via Pascoli: preoccupanti lesioni nei muri delle case popolari

Condividici...

di Gian Luigi Pittau
____________________________

Da anni gli abitanti dei 24 appartamenti, suddivisi in sei palazzine appartenenti ad Area, vivono  in via Pascoli 16 con l’incubo che pezzi di calcestruzzo e di intonaco possano staccarsi dai balconi, come è già successo diverse volte, e cadere addosso alle persone.
In più all’esterno sul viale, a ridosso dei garage delle macchine, ci sono 14 alberi di eucalipti che rischiano di cadere e che andrebbero tagliati urgentemente.
È questa la grave situazione che denunciano gli inquilini delle case popolari ex Iacp costruite più di 40 anni fa e che da troppo tempo non ricevono alcuna manutenzione nonostante le tante richieste di intervento degli stessi abitanti dei palazzi.

Lo rimarca con forza Sandra Cruccu, che vive in uno dei 24 appartamenti: «La manutenzione ordinaria veniva fatta dallo ex Iacp in maniera puntuale, cosa che invece non è successa negli ultimi anni. Anzi ci viene addirittura addebitato il lavoro che viene fatto in un contesto dove la maggior parte degli abitanti delle case sono pensionati e disoccupati. La situazione dei balconi, in particolare è disastrosa, e ogni giorno viviamo con l’incubo che qualche calcinaccio possa caderci in testa. Eppure i vigili del fuoco sono già intervenuti due volte. La prima volta nel 2017 intorno alle 21 chiamati da una mamma che passeggiava col proprio bambino e per fortuna in quel caso non è successo niente. La seconda volta il 3 gennaio di quest’anno i vigili del fuoco sono stati chiamati da me: il balcone superiore cade a grossi pezzi sulla mia casa e sul mio balcone in particolare. I pompieri mi hanno proibito di non affacciarmi per il grave rischio che potrei correre. Abbiamo segnalato la difficile situazione ad Area e al Comune di San Gavino Monreale, ma fino ad oggi non c’è stato nessun intervento».

Inoltre gli abitanti hanno chiesto, già da due anni, anche la potatura o il taglio degli enormi alberi di eucalipti che si sono piegati proprio sul viale in cui passano le persone, ma la risposta di Area per i residenti è stata singolare: «L’ente proprietario della case ci ha risposto ora», aggiunge Sandra Cruccu, «dicendo che noi residenti dovremmo mettere in sicurezza l’area con il taglio dei 14 alberi e in totale il costo sarebbe di circa 14mila euro. Una cifra che non possiamo permetterci: io sono disoccupata e molti degli abitanti degli appartamenti sono pensionati. Mi chiedo solo che cosa si sta aspettando per intervenire dal momento che è a rischio la nostra incolumità: abbiamo chiesto diverse volte anche l’aiuto del Comune, ma la risposta è stata che l’area è privata. In ogni caso rimane la dettagliata relazione dei vigili del fuoco che è stata inviata anche in Municipio. Così non si può andare avanti: viviamo ogni giorno col terrore di uscire ma anche di stare in casa viste le condizioni dei palazzi. Chi deve intervenire?»

Il degrado è visibile ad occhio nudo col ferro dei pilastri ormai arrugginito e i calcinaci presenti dappertutto.  La relazione dei vigili del fuoco è stata chiara: occorre intervenire subito per ripristinare l’integrità e la sicurezza degli edifici.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy