Attualità

Villacidro, premiati i vincitori del quinto premio di laurea dedicato al gesuita Giuseppe Pittau

Condividici...

di Gian Luigi Pittau
_________________________

Una cerimonia semplice, nel rispetto di tutte le normative Anticovid, finalizzata a consegnare i premi ai giovani laureati che complessivi ammontano a 16 mila euro. Così nella bella cornice del palazzo vescovile di Villacidro sono stati premiati i vincitori della quinta edizione del Premio di laurea dedicato alla figura del missionario gesuita villacidrese Giuseppe Pittau, organizzata dal Centro Culturale e di Alta Formazione con il sostegno della Caritas di Ales- Terralba, l’Assessorato Regionale alla pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport e il Csv Sardegna Solidale.

In apertura del premio i saluti del sindaco Federico Sollai, seguiti dall’intervento del Vescovo Mons. Roberto Carboni che ricordando la figura di mons. Giuseppe Pittau, gesuita di fama internazionale, si è complimentato con i giovani laureati per le loro tesi di alto livello. Un premio particolare con una menzione speciale per il ruolo della diffusione della cultura a Villacidro per i suoi giovani e per tutta la cittadinanza e per il territorio è stato assegnato al liceo classico e linguistico “Emanuele Piga” di Villacidro ed è stato consegnato alla dirigente scolastica Maria Rita Aru. Tra gli interventi ha parlato con emozione Giampiero Farru, presidente del Csv Sardegna, che si è recato nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo in cui si trovano le spoglie del gesuita villacidrese.

Il filo conduttore della cerimonia di premiazione sono stati proprio i giovani, verso i quali rivolgere uno sguardo di speranza, con un impegno quotidiano a promuovere la cultura anche in tempi così difficili come quelli che stiamo vivendo. Poi con la guida del professor Giuseppe Marras la presentazione dei vincitori con una breve presentazione dei lavori.

I giovani, premiati dal vescovo, hanno ricevuto in dono alcuni libri, la pergamena e un premio in denaro di 2mila euro ciascuna per la tesi specialistica/ magistrale e di mille euro per la tesi triennale.
Il premio è stato diviso in due sezioni: la prima riservata ai soli residenti in Sardegna. La seconda aperta a tutti i cittadini italiani, europei ed extraeuropei.
Le tematiche ammesse sono state l’ecumenismo e dialogo interreligioso, relazioni internazionali, l’intercultura, la promozione del territorio, la solidarietà sociale, in particolare la partecipazione inclusiva dei giovani alla vita sociale e politica dei territori, i processi partecipativi alla vita pubblica. Hanno partecipato al premio 35 giovani laureati nelle università italiane, e sarde. Alcune tesi hanno uno spessore altamente significativo. Le tesi provengono in parte dalle università sarde, ma anche da Venezia, Bologna, Roma, Pisa, Trieste, Bari, Perugia.

Nella prima sezione sono stati premiati Carmen Greca Loi, Nicola Murgia, Mersia Carboni, Diana Guendalina e Letizia Dessi. Nella seconda sezione i premi sono andati a Giulia Maria Canavesi, Marianna Arcieri, Riccardo Bargna, Umberti Raschi, Matteo Antonini Berto, Paulina Sasiak.

Molto toccante il ricordo di mons. Giuseppe condiviso con il pubblico da don Angelo Pittau, ideatore del premio, presidente del Centro Culturale e fratello del gesuita. Nel suo intervento ha riportato le tappe fondamentali della vita di padre Giuseppe, in giro per il mondo, a seminare pace, cultura e fede con un’attenzione costante per i giovani.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy