Attualità

Villamar, Salvatore Angioni: un ponte fra l’arte rumena e quella sarda

Condividici...

di Simone Muscas

______________________

L’apprezzamento per l’arte della Sardegna all’estero è resa possibile anche grazie al contributo di alcuni artisti isolani che si mettono in gioco oltre i confini regionali. Fra questi vi è Tore Angioni, artista di Settimo San Pietro e da anni residente a Villamar, che poco prima che dilagasse la pandemia è rientrato da un’esperienza artistica in Romania durante la quale ha realizzato, in una scuola della città di Ianca, un murales di matrice musicale che raffigura la tradizione sarda. «Il mio filone, sia come scultore che pittore, è soprattutto quello della rappresentazione della figura femminile», spiega l’artista, «la donna intesa come madre e quindi colonna portante della famiglia. Nella mia carriera ho però abbracciato anche altri temi, su tutti quelli della musica tradizionale sarda stilizzata e riadattata ai nostri tempi».

Proprio nel Paese dell’est Europa Angioni ha realizzato un murales (vedi foto) che raffigura alcune istantanee della musica isolana, con gli strumenti musicali rappresentati in chiave più moderna. «Nel mio modo di fare arte,» spiega «non solo cerco di realizzare caratteristiche della mia terra, ma provo a dare alle mie opere un’impronta quanto più personale possibile».

L’esperienza rumena è una delle sue tante tappe in giro per il mondo visto che tante sue realizzazioni, scultoree e di pittura, sono visibili anche in Francia, Moldavia, Algeria e Spagna. Con la Romania, tuttavia, Angioni ha allacciato negli ultimi anni un rapporto molto stretto al punto che, insieme a lui, hanno collaborato a diversi progetti (svolti sempre in terra rumena negli anni passati) anche altri artisti sardi, due dei quali, il veterano Antioco Cotza e la giovane Silvia Cara, di Villamar.

L’ultimo lavoro, commissionato da un ex deputato rumeno e attuale direttore della “Casa di cultura rumena”, Glicherie Stancu, e dal sindaco della città di Ianca, Fanel Chirita, ha visto la partecipazione degli alunni di una scuola locale che, parallelamente alla realizzazione del dipinto di Angioni, si sono cimentati nel dar vita ad alcune opere all’interno dell’istituto scolastico.

«È stata una bellissima esperienza che, come le precedenti, mi ha plasmato nello spirito.», ha spiegato Angioni, «Da quelle parti, ripeto spesso, la figura dell’artista gode di maggior stima e considerazione rispetto a noi. Il fatto che le mie opere riscuotano un buon successo è non soltanto una bella soddisfazione, ma anche un elemento che mi fa capire come la mia arte, nel suo piccolo, possa un giorno essere ricordata».

Simone Muscas

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy